domenica 31 marzo 2013

La chiamavano Pasqualina



E il giorno di Pasqua sta volgendo al termine e, complice lo spostamento avanti di un'ora, sembra volata.
 La prole ha aperto milioni di uova che comincio a pensare che non sia più il caso di dire in giro che ho dei figli in età da cioccolato ;))))) ...almeno hanno detto che la migliore sorpresa l'hanno trovata nelle uova comprate dalla sottoscritta un mese fa sotto loro attenta descrizione (comunque, sicuramente più facile che cercare i regali di natale).
Il pranzo di Pasqua si è svolto a casa della sottoscritta perché mancavano i genitori/nonni...
  



Questa era la tavola...lo notate il particolare stravagante? Dai ve lo faccio vedere meglio?


                                                                              

Kitsch...lo riconosco...idea del primogenito che, due giorni prima al super, ha detto che li trovava perfetti per la tavola di Pasqua...contento lui ;))))))))))

Però finalmente abbiamo rivisto il sole... E non solo noi ;))))
(Ebbene si, ste povere piante ci sono riuscite ad affacciarsi al balcone ;))))))))))

E insomma, la giornata e' andata, tra veli pelosi ;)))))partite a risiko fatte o presunte;))))) cioccolata fondente e al latte...tagliatelle....salsiccia....e gelati più o meno affogati al caffè ;)))))))

Il momento nostalgia, immancabile, c'è stato quando una zia al telefono mi ha riportato alla mente mio nonno che benediva la tavola e i commensali il giorno di Pasqua, pazienza, e' bello anche questo...è come mangiare un cioccolatino molto fondente, dolce dal retrogusto amaro, ma buono!

E infine, sono arrivata al termine del fioretto per la quaresima e ho potuto bere cocacola ;)))))))))))))che sono soddisfazioni ;))))))))))) buona Pasqua a tutti!!!

2 commenti:

Federica ha detto...

il risiko mi ha fatto compagnia a capodanno!

auguri!

Giuliana Giglio ha detto...

Finalmente, CIOCCOLATO!!!!!!!!!